Venerdí 28 aprile EdilExpo Calabria – Catanzaro Lido ore 17.00

“Il geometra è di casa” è uno degli slogan che mette sul mercato la professionalità del tecnico piú vicino, forse perché di piú antica formazione, alle famiglie.

Partendo da questo, che è diventato un tradizionale adagio, siamo in grado di dire che l´azione sociale del geometra si snoda, ancora oggi con successo tra vecchie e nuove competenze nonché   in situazioni di ordinaria emergenza tecnica e sociale.

L´attenzione riservata al tema delle emergenze geofisiche trova maggiore giustificazione in questo momento in virtù dell´ impegno che ci ha visti, e ci vede ancora, vicini alle popolazioni del centro Italia colpite dal sisma.

Diciannove geometri del Collegio di Catanzaro specializzati nella verifica per l´agibilità degli edifici sono stati tra Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto.

Dieci dei nostri geometri, su un totale regionale di 10 unità e su 400 nazionali – sono stati destinati al Centro Operativo Comunale (COC) coordinati da Aldo Zofrea, geometra del collegio di Catanzaro, componente nazionale di AGEPRO – Associazione Nazionale geometri Protezione Civile.

Quattro giovani praticanti geometri del collegio di Catanzaro su cinque totali regionali sono stati attivi all´interno del centro DiCOMAC  di Rieti.

Sono questi alcuni dei numeri che hanno segnato in termini di presenze gli iscritti del Collegio dei Geometri di Catanzaro sui luoghi dei terremoti dal 24 agosto 2016.

Dal rilievo alla valutazione dell´agibilità degli immobili nessuna figura tecnica specializzata è mancata alla domanda di aiuto venuta dal cuore dell´Italia.

Una solerzia possibile grazie alle professionalità interne e alla formazione costante dei geometri del Collegio di Catanzaro.  Un supporto di valore, non solo tecnico, ma anche umano che ha messo ancor piú in evidenza quali siano i compiti di grande responsabilità a cui i geometri sono chiamati anche nelle situazioni di emergenza.

Ma è la natura idrogeologica e fisica della regione Calabria che, per appartenenza e territorialità, ci chiama a riflettere sugli adeguamenti abitativi privati e pubblici.

Solo per dare il senso al numero di interventi necessari, queste le percentuali dei comuni a rischio dell´intero territorio regionale che è interamente compreso nelle zone sismiche 1 e 2. Di cui il 64% dei comuni (261 su 409 totali) rientra in zona 1 e il rimanente 36% (148 su 409 totali) in zona 2.

Come se non bastasse la mappa nazionale di pericolosità di base definisce tutto lo spazio regionale calabrese esposto a valori di accelerazione massima attesa tra i più alti del Paese, con un picco nell’area della Valle del Crati che rappresenta una delle zone a maggiore pericolosità sismica di tutto il territorio italiano. Da questi numeri che danno il freddo quadro della realtà pare scontato pensare ancora che discutere solo nel post-terremoto sia quantomeno inadeguato rispetto alla condizione naturale nella quale la nostra regione è collocata.

Lungomare di Catanzaro Lido, inaugurato in febbraio 2017

E se negli ultimi tempi, a seguito degli eventi che hanno colpito il centro Italia nuove misure sono state adottate dal Governo, il cammino è ancora lungo e necessita di attenzione e di una interlocuzione costante tra la politica, le categorie professionali, i dipartimenti di Protezione Civile regionali e nazionali. Così come rientra nel compito sociale del geometra l´attenzione all´adeguamento, la progettazione e la realizzazione di spazi urbani e ricreativi che tengano conto delle differenti abilità di ognuno.

L´abbattimento delle barriere architettoniche che, tra norme e realtà, trova mille scusanti e poca attuazione chiamano in causa l´etica oltre che la deontologia professionale.

Geometri in Fiera EDIL Expo 2017: L´azione sociale del geometra: tra emergenze geofisiche e accessibilità dei luoghi.

L´accessibilità è un luogo in comune, se per attirare l´attenzione di tutti i soggetti predisposti alla cosa pubblica, tecnici compresi, serve creare uno spot. A questi temi riserveremo le due sessioni del convegno che si svolgerà in EdilExpo Calabria 2017, il prossimo venerdì 28 aprile a partire dalle ore 16.00 dal titolo: l´azione sociale del geometra:tra emergenze geofisiche e accessibilità dei luoghi.

Con la FISH Calabria prima e con il Dipartimento di Protezione Civile regionale per la seconda delle due sessioni dette, faremo sedere al tavolo dei relatori alcuni dei principali attori politico-sociali che operano in Calabria, con l´intento di promuovere nuove competenze e farci portavoce di istanze condivise per la crescita e la sicurezza del perimetro geografico nel quale lavoriamo quotidianamente.

Locandina

Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *