NASCE IL NAPOLI CLUB PALMI DIEGO ARMANDO MARADONA

Una nuova onda si aggiunge alla curva ideale (per ora) del nuovo Stadio Comunale Diego Armando Maradona di Napoli: il Napoli club Palmi intitolato al campione argentino scomparso il 25 novembre scorso.

di Maria Pia Tucci  | 02 dicembre 2020

È  in quella serata che arriva la costituzione di una nuova chat di gruppo che chiama a raccolta i tifosi azzurri della piana di Gioia Tauro e non solo. A crearla è Antonio Salvati, napoletano e napolista, che vive e svolge il suo lavoro di magistrato a Palmi, in Calabria, da venti anni.

È un’ onda emotiva, che forse ci fa sentire tutti meno soli ad affrontare quella perdita enorme e quella distanza dai luoghi, dove tutti noi, napolisti, sognatori di quel calcio poesia e riscatto che Diego ci ha regalato, avremmo voluto essere.

Ci si ritrova così, tra una chiamata in chat e un’ altra a fare gruppo e il numero di tifose e di tifosi della  squadra azzurra cresce e con essa la consapevolezza di mettere in comune la propria passione dando vita ad un club.

«Certo, può sembrare strano fondare un club, che altro non è che un pretesto per stare assieme, in un periodo in cui tutto è virtuale, artificiale – affermano i partecipanti – però siamo convinti che presto, grazie allo sforzo di tutti, questa emergenza terminerà. E allora, avere spazi e luoghi di aggregazione sarà ancora più bello ed entusiasmante».

Nello statuto del Club, oltre all’inevitabile  professione di fede azzurra, trovano spazio il rifiuto di ogni tipo di violenza – a partire da quella verbale, che troppo spesso trasforma specie sui social network l’innocuo sfottò sportivo in ingiustificata aggressività – e il desiderio di realizzare nel tempo iniziative che coniughino calcio e cultura.

«Organizzare trasferte per seguire il Napoli o semplicemente vedere tutti assieme le partite degli azzurri è solo uno dei nostri obiettivi – confermano gli organizzatori – perché vogliamo realizzare anche iniziative diverse, che ci permettano di apprezzare le emozioni che solo il calcio sa dare. Non è un caso che grandi scrittori come Osvaldo Soriano e Eduardo Galeano, tanto per citarne solo due, abbiano dedicato pagine indimenticabili alla pelota. Certo, il calcio moderno fa di tutto per perdere romanticismo e poesia ma, come ha detto proprio Diego, no se cancha, non si sporca mai».

Nel logo, ideato dall’agenzia LPEvolution di Palmi che ne ha fatto omaggio al neo sodalizio, campeggia lo scoglio dell’ Ulivarella, simbolo della città di Palmi, ma che richiama la siloetta del Vesuvio, racchiuso in un azzurro mare che coniuga i colori del Napoli e della città partenopea con quelli che sono anche del mare nostrum. E poi la scritta e la dedica al campione, al Pibe de Oro a cui è intitolato il Club: Diego Armando Maradona.

Legame non solo simbolico e di immagine, con la città di Napoli. Il club infatti conta già tra i suoi iscritti amici e tifosi che risiedono nel capoluogo campano ed altri già chiedono di aggiungersi.

Presidente del club è Antonio Salvati, vicepresidente Domenico Palumbo e come presidente onorario Lorenzo Cioglia. Soci fondatori Luana Palumbo, Maria Francesca Sprizzi, Francesca Orefice, Maria Pia Tucci,  Riccardo Giacoia, Cetty Tedesco, Vincenzo Campitiello, Roberto Campitiello, Carmine Pirrottina, Nanni Valentino, Ivan Pugliese, Domenico Barone, Gianluca Iovine e Dario Costantino.

Contatti: clubnapolipalmi@gmail.com

Condividi quest'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti", che potrebbero personalizzare le pubblicità sul tuo browser, e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy e privacy policy